"La lumaca"
2008 (c) by SaraDeFlorio
Significato
L'artista raffigura una rappresentazione allegorica di una collaborazione artistica, frutto di una spontanea armonia, e talvolta passionale, tra due artisti. Lo scopo principale più che collaborare, è esprimere la follia artistica.
Spunti e influenze
Quando realizzai il dipinto "La lumaca" la scintilla emotiva fu certamente la fascinazione per l'arte e per le forme strane ed insolite. Una delle mie ispirazioni per le quali realizzai questo dipinto fu una foto che feci ad una lumachina vera che avevo sul balcone di casa e che ha abitato in qualche vaso delle mie piante per un certo periodo.

"Appartenente al mondo dei molluschi e in particolare ai cosiddetti gasteropodi terrestri, la lumaca è caratterizzata da un corpo strisciante e viscido ed è visibile soprattutto in luoghi considerati umidi. Le lumache amano uscire allo scoperto specialmente di notte. Ma anche durante il giorno, soprattutto dopo un'abbondante precipitazione piovosa. Questo tipo di mollusco è solito alimentarsi di vegetali. La lumaca è considerata una creatura ermafrodita."

Altro spunto è stato figurativamente una scena del film "Denti" di Gabriele Salvatores.
Pettegolezzi e divagazioni
E'stato detto che lo scopo della Lumaca è quello di pianificare orgasmi e coiti virtuali. Che vi è nelle gambe un ruolo di contrasto, di violenza, in contrapposizione. Un frugare e rovistare. Un riempimento di un anima in un corpo, di musica. Che non ha la testa. Che è un ibrido, dove anche un computer può far da "riempimento". Che le gambe rappresentano le parole, e il corpo l'arte. Altra interpretazione inesatta è stata quella di chi ha creduto che la figura grande della Lumaca va a sostituirsi con la Dea della creatività che ho dipinto nel "Estasi creativa". In effetti non hanno assolutamente alcuna attinenza. Si è detto anche che la lumaca è stata fatta in due da me ed un "papà", ma è una menzogna, perchè il dipinto l'ho realizzato da sola.
Dettagli tecnici ed esperienza dell'artista
Dipinsi "La Lumaca" nel luglio del 2008. Quando poi nel 2009 accaddero fatti insoliti, modificai il dipinto eliminando le due piccole figure, rappresentative degli artisti, non ricordo per quale motivo effettuai tale modifica. Nel 2014 a causa di insopportazione di problematiche dovute alla realizzazione di collaborazioni da parte di altre persone, che influenzavano comunque la mia vita sebbene non avessi nè dato il mio consenso, nè avessi partecipato, aggiunsi una scritta al posto delle piccole figure, che diceva qualcosa tipo "accessibile solo all'artista". Poco dopo mi decisi a ridipingere le piccole figure così come erano in principio. La mia esperienza personale in tali circostanze è stata pessima perchè sono stata costretta a subire situazioni che non sapevo come e dove gestire, che mi hanno creato problemi di ludicità ed integrità mentale, e modificato fisicamente, privandomi della mia naturale bellezza, interiore ed esteriore. Ho dovuto subire anche il dover sentire in me un'anima che non è la mia, dura, fastidiosa e contrastante, l'antifelicità. Sono stata spesso vittima in situazioni come il passaggio doganale all'aeroporto, di perquisizioni nei miei bagagli molto scortesi che erano più un frugare maleducato ed invadente. Ho subìto anche violenze tecnologiche e vibrazioni artificiali indesiderate. Tutte queste esperienze non facevano parte del reale significato, e non sono state volute da me. Personalmente non ho ancora avuto modo di realizzare praticamente la Lumaca collaborando con qualcuno, secondo l'idea che avevo. Ho realizzato qualche disegno insieme a mio figlio ma non è questa raffigurazione idonea a rappresentare ciò che faccio con lui.
Conclusione
Se l'arte non corrisponde a libertà di espressione ed il beneficio che essa apporta, non si può considerare arte. Una collaborazione se non ha lo scopo di rappresentare un momento di armonia, non ha motivo di esserci. Molte delle figure che dipingo hanno soltanto il fine di essere espresse. Accanirsi sulla loro realizzazione è un atteggiamento che non appartiene alla sfera artistica.
 
Ultimo aggiornamento: 15.07.2020
- SaraDeFlorio -
Questo è un sito personale.